• Kühe vor Stall

  • Tiziano Ferragosto1

  • Tiziano Ferragosto

  • Maria Saalen

  • Eltern und Kind

Antiche mura che raccontano la storia.

 

La prima menzione scritta di Sares risale a più di un millennio. Però certamente questo luogo, protetto dal mondo esterno, era già abitato molto prima offrendo per molti secoli un rifugio sicuro agli esseri umani e agli animali.


892 –
Sares (in tedesco Saalen) è menzionato per la prima volta in un documento con il nome “Susolone“.

1458 – Nei pressi di Sares, lungo la strada che conduce nella Valle di Marebbe, ha luogo la battaglia tra il principe vescovo Nicola Cusano e la badessa Verena del convento di Castelbadia.

1587 – Il locandiere a Sares è Urban Rindler, eponimo di Rindlergut (tenuta Rindler).

1652 – Il parroco Achmüller entra in possesso del Rindlergut. È lui stesso a far costruire la chiesetta, poi meta di pellegrinaggio, gravando il Rindlergut di 900 fiorini.

1809 – Johann Huber, locandiere a Sares, durante le lotte per la libertà in Tirolo, comanda da capitano, la compagnia degli Schützen “Michaelsburger”.

1887 – Viene iniziata sul fondovalle una nuova strada per la Val Badia. La Famiglia Tauber acquisisce il Saalerwirt che da allora è proprietà della famiglia.

1892 – Inaugurazione della nuova strada di fondovalle per la Val Badia: a Sares regna pace e tranquillità.

2009 – L’Hotel Saalerwirt entra nella selezione finale del Concorso per alberghi storici dell’Alto Adige.

2012 – L’hotel Saalerwirt fa parte del sodalizio “Locanda sudtirolese”.

2013 – Da questa data l'hotel Saalerwirt entra nel gruppo “Luoghi ameni” - una collezione di angoli unici e straordinari dell'ospitalità alpina.

2015 – Le accoglienti camere nella nuova costruzione “imHaus” coronano l’Hotel-Ensemble ***s . Queste camere sono una speciale esperienza per i salutisti. Infatti sono costruite a bassa emissione elettromagnetica, arredate con materiali naturali come cirmolo locale piallato a mano, dotate di materassi e tessili naturali o di lino.